Pro Loco Spormaggiore APS

Altopiano della Paganella

appuntamenti

skiing 2087119 960 720

TESSERAMENTO 2019 APERTO

tessera socio pro loco 2019 fronteTanti vantaggi per te...

logo proloco SpormaggiorePro Loco Spormaggiore

piazza Fiera 1, 38010 Spormaggiore

P.IVA  01489570224
CF 98002170227
COD.CONTATTO: KRRH6B9

Tel. 0461 653637
Cel. +39 389 6287484

E-mail: info@prolocospormaggiore.tn.it

IBAN :
IT46H0813935520000001101174

 

L’invidia non conosce proprio confini!
Fatto sta che la miracolosa statua della Madonna, che il popolo di Spormaggiore custodiva gelosamente e venerava nella sua chiesa, piaceva anche a quelli di Sporminore.
E il loro, almeno in parte, era un affetto interessato: si diceva, infatti, che quell’immagine di Maria avesse il potere di resuscitare per alcuni istanti i neonati morti, il tempo necessario per battezzarli e seppellirli in terreno consacrato.
A centinaia, allora, le madri giungevano da tutto il Trentino, ma anche dal Veneto e dalla Lombardia, per chiedere alla Madre di Dio quell’ultimo gesto di pietà: impedire che i loro figlioletti tanto attesi, ma venuti al mondo senza vita, fossero sepolti al di fuori della cinta sacra di un cimitero.
E tanto afflusso di gente, è facile capirlo, portava una ricchezza considerevole alla gente di Spormaggiore.
Fu così che nella vicina Sporminore si decise di avere per sé quel vantaggio.
Per prima cosa venne costruito, nella chiesa, un nuovo altare degno di ospitare la statua miracolosa.
Quindi, una notte, due buoi furono attaccati a un carro e un drappello di robusti giovani della borgata invidiosa salì su per il sentiero, raggiungendo non visto la piazza di Spormaggiore.


In breve la Madonna venne rubata caricata, sul carretto e trasportata prima dell’alba a Sporminore, ove venne solennemente deposta sul nuovo altare.
Tutti, poi, andarono a dormire soddisfatti.
Il giorno dopo i fedeli di Sporminore si diedero appuntamento in chiesa, per avviare una novena di preghiere alla Madonna, ma la loro sorpresa fu grande, quando si accorsero che l’altare era vuoto… la statua era sparita!
Corsero sul sagrato e alzarono gli occhi in direzione di Spormaggiore.
–Guardate! – urlò uno di loro. –La vedete, la Madonna? È lassù, in cima a quel colle!
Effettivamente l’immagine santa era andata misteriosamente a mettersi a metà strada fra i due paesi: senza darsi per vinti, quelli di Sporminore corsero su per il viottolo e quando stavano per raggiungere la statua… la Madonna si alzò in cielo e volò sicura e diritta a Spormaggiore entrò in chiesa per la porta principale e tornò al suo vecchio altare!
Solo allora i fedeli di Sporminore si rassegnarono a lasciare la Madre di Dio in mano alla gente del paese accanto e, temendo la vendetta del Signore, cominciarono ugualmente la prevista novena.
Ma la Madonna li perdonò, lusingata in fondo al cuore dal fatto che quegli uomini le volevano talmente bene, da arrivare persino a rubarla, pur d’averla nella loro chiesa!

  • Web Traffic:
  • Today 291
  • |
  • Total 451352